Palermo a Tavola

Di tutte le arti, l'arte culinaria è quella che nutre meglio l'uomo – Pierre DAC, artista francese

E’ una sorta di purea di fave, di antichissima origine e diffusa in tutta la Sicilia. Lasciate, per una notte intera,  le fave secche sgusciate in acqua aromatizzata con qualche seme di finocchietto selvatico. Mettete sul fuoco, schermando la fiamma e cuocete a fuoco lento mescolando di tanto in tanto. Quando le fave saranno ben cotte e si sarà formata quasi una purea, toglietele dal fuoco, condite con olio extravergine d’oliva e servite.

Viene ancora più gustoso con le fave fresche, ma devono essere piuttosto durette, non troppo tenere altrimenti non si sfarinano durante la cottura. E si deve togliere anche la buccia interna.

Si può aggiungere della pasta e fare una minestra, ottimi gli spaghetti spezzettati. Il macco è ottimo anche freddo. Se avanza della pasta provate a mangiarla la sera, è ancora più buona, raffreddando si rapprende e si può tagliare a fette.

Emma On maggio - 3 - 2011

Lascia un commento


Security Code:

  • RSS
  • Delicious
  • Digg
  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Youtube
Pasta-con-le-sarde

Pasta ch'i sardi (pa

La pasta con le sarde è un sublime accostamento di ...

Insalata-di-carciofi

Insalata di carciofi

Niente di più semplice! I carciofi all'insalata possono costituire un secondo ...

Focaccia-pomodorini-e-peperoni

Focaccia con pomodor

L'altra sera avevo voglia di pasticciare un po' in cucina ...

Pecorella-pasquale

I picureddi – Le p

Le pecorelle di pasta reale sono, insieme ai "Pupi cull'ovu" dolci tradizionali ...

Insalata-di-aringhe-e-arance

Insalata di aringhe

Oggi per caso ho trovato al supermercato una spendida aringa ...


  • Ultimi articoli

  • Archivi

  • Calendario

    luglio: 2014
    L M M G V S D
    « mar    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  
  • Categorie